ffcnews

Per valorizzare
la professione del farmacista

Coronavirus, Regione Puglia ai farmacisti: grazie del prezioso supporto a beneficio della comunità

Farmacisti e farmacie pugliesi ai tavoli tecnici della Regione Puglia

Rassegna Stampa     Notizie    

«Ringrazio profondamente i farmacisti pugliesi che confermano attenzione, responsabilità e sensibilità nel mettere a disposizione della comunità competenze preziose anche in un momento particolarmente delicato come questo». Lo ha dichiarato il direttore del Dipartimento per le politiche della Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro in occasione dell'incontro svoltosi a Bari con i presidenti di Ordine dei Farmacisti Bari e Bat, Luigi d'Ambrosio Lettieri, Federfarma Puglia Vito Novielli e Federfarma BAT Michele Pellegrini Calace, della Consulta regionale, Francesco Settembrini e con il delegato Fofi, Domenico Di Tolla.
Tra i temi di confronto, la presenza degli Ordini dei Farmacisti e di Federfarma ai tavoli tecnici della Regione Puglia sull'emergenza coronavirus; coinvolgimento della rete socio-sanitaria e assistenziale delle farmacie nella divulgazione delle iniziative degli organi preposti e per una corretta informazione relativa alle prassi da seguire; prevenzione e tutela della salute.

Ruolo della farmacie nella prevenzione e informazione
«Il ruolo svolto dalle farmacie pugliesi a supporto delle attività poste in essere dalla Regione Puglia - ha aggiunto Montanaro - trova continuità in queste ore e nel pieno coinvolgimento degli organi rappresentativi nell'ambito dei tavoli tecnici interessati alla gestione dell'emergenza Covid19». È stata condivisa la necessità "di implementare le sinergie interistituzionali per dare il massimo livello di efficacia ed efficienza alle attività di prevenzione e informazione" e di "porre attenzione alla sicurezza sia dei cittadini che degli operatori, con riguardo anche ai farmacisti e ai loro collaboratori". L'obiettivo, riporta una nota, è "prevedere, nel caso di un eventuale inasprimento dell'emergenza, misure idonee a individuare le modalità di svolgimento del servizio in linea con le necessità sopravvenute, nel modo più efficace a tutelare le esigenze dei cittadini ed anche i profili di sicurezza degli operatori". Montanaro ha anche espresso «vivo apprezzamento per le farmacie che si sono messe a disposizione nel corretto allestimento delle preparazioni galeniche di presidi medico-chirurgici a fini disinfettanti». Dotare i farmacisti di dispositivi di protezione
Dal canto suo, D'Ambrosio Lettieri ha ricordato come sia fondamentale «dotare con urgenza, ove le condizioni lo richiedano, anche i farmacisti che operano sul territorio, di dispositivi di protezione e cioè delle mascherine e degli altri ausili necessari. Risulta, infatti, fondamentale garantire la sicurezza e la salute dei farmacisti e del personale collaboratore, al fine di assicurare la tenuta del servizio farmaceutico territoriale, che, integrato nel sistema sanitario regionale, contribuisce alla gestione dei bisogni di assistenza sanitaria della popolazione. Con il dipartimento della salute si conferma un rapporto di stretta collaborazione, in una logica che vede le farmacie legittimate in modo pieno in una funzione strategica utile alla comunità». 
«La Farmacia - ha detto Novielli - ha saputo far fronte ai tentativi speculativi del mercato, con la ritrovata capacità di allestire preparazioni galeniche che hanno fatto fronte alla richiesta numerosa di soluzioni igienizzanti. La farmacia, d'altronde, accompagna la vita quotidiana delle persone e, in questa circostanza, ai farmacisti sono rivolte le domande per orientare scelte e indirizzare comportamenti».

«Federfarma continua ad essere in prima linea e ha messo a disposizione la rete logistica delle farmacie - ha sottolineato Pellegrini Calace - per dare supporto ad ogni tipo di esigenza che la Regione dovesse individuare come utile per la gestione di ogni eventuale emergenza». A conclusione dell'incontro è intervenuto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano che ha condiviso parole di gratitudine e vivo apprezzamento per l'impegno della comunità professionale dei farmacisti.


©   Farmacista33

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Francesco Cannavò con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta a cui lo Stato rinuncia - sostieni il farmacista e la sua formazione.
Come fare? È davvero semplice:

  • Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico;
  • Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale...";
  • Indica il codice fiscale dell'associazione: 07840931005;
  • Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000.

C.F. 07840931005

vedi anche