Fatturazione elettronica. Riepilogo delle disposizioni di interesse per farmacie e esercizi commerciali

Fondazione Francesco Cannavò

Fatturazione elettronica. Riepilogo delle disposizioni di interesse per farmacie e esercizi commerciali

Per tutte le cessioni per le quali sia stato emesso lo “scontrino parlante”, la fattura, eventualmente richiesta, dovrà essere rilasciata in forma cartacea. Per tutte le altre cessioni effettuate, le farmacie e gli esercizi di vicinato di cui all’art. 5 DL 223/2006, convertito dalla Legge 248/2006 dovranno rilasciare fattura elettronica. L’esonero non riguarda, inoltre, la parte “passiva”, ovvero la ricezione dei documenti di fatturazione in formato elettronico da parte dei fornitori.

Farmacia Riepiloghiamo le disposizioni in materia di fatturazione elettronica di interesse per le farmacie e gli esercizi commerciali di cui all’art. 5 DL 223/2006, convertito dalla Legge 248/2006, anche alla luce delle norme da ultimo introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 approvata dal Parlamento ieri 30 dicembre ed in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Per l’anno 2019, le farmacie e gli esercizi commerciali di cui all’art. 5 DL 223/2006, convertito dalla Legge 248/2006, non possono emettere fatture elettroniche con riferimento alle fatture i cui dati sono da inviare al Sistema Tessera Sanitaria. Pertanto, per tutte le cessioni per le quali sia stato emesso il c.d. “scontrino parlante”, la fattura, eventualmente richiesta, dovrà essere rilasciata in forma cartacea. Per tutte le altre cessioni effettuate, le farmacie e gli esercizi di vicinato di cui all’art. 5 DL 223/2006, convertito dalla Legge 248/2006 dovranno rilasciare fattura elettronica.

L’esonero non riguarda, inoltre, la parte “passiva”, ovvero la ricezione dei documenti di fatturazione in formato elettronico da parte dei fornitori. Resta quindi la necessità per le farmacie e gli esercizi commerciali di cui all’art. 5 DL 223/2006, convertito dalla Legge 248/2006, di adeguare la propria infrastruttura tecnologica ed organizzativa per l’emissione in forma elettronica delle fatture per cessioni i cui dati non sono trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria e per le fatture provenienti dai fornitori.

© ilfarmacistaonline

Fondazione Francesco Cannavò

Fondazione Francesco Cannavò
Via Palestro, 75
00185 Roma IT
segreteria@fondazionefc.it
C.F. 07840931005

Studio Anedda
Segreteria Amministrativa
Fondazione Francesco Cannavò
Telefono 070307328

Amministrazione Trasparente

 

Sostienici con il 5X1000

Sostieni la Fondazione Francesco Cannavò con il tuo 5X1000. A te non costa nulla - essendo una quota d'imposta a cui lo Stato rinuncia - sostieni il farmacista e la sua formazione.

Come fare? È davvero semplice:

• Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico;
• Firma nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale...";
• Indica il codice fiscale dell'associazione: 07840931005;
• Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000.

C.F. 07840931005